Giovani medici? Le donne sono il doppio degli uomini, specie fra chirurghi e dentisti

Articolo di Fabio Di Todaro su “La Stampa”

Secondo gli ultimi dati elaborati dalla Federazione degli Ordini dei medici c’è una vera e propria onda rosa delle professioniste nella fascia di età 35-39 anni

Non si è ancora alla parità di genere, soprattutto nei gradi più alti della professione. Ma il numero di donne in camice bianco è sempre più alto. Secondo gli ultimi dati elaborati dalla Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo), in Italia le donne medico sono 163.336 (quasi 211mila gli uomini). È tra le classi più giovani che si registra una crescita dell’onda «rosa».

Se tra i 50 e i 54 anni le donne sono già la maggioranza (14.247 contro 13.970), scendendo con l’età la presenza femminile aumenta (15.694 donne contro 11.250 uomini tra 45-49 anni, e 18.425 donne contro 10.873 uomini a 40-44 anni), per arrivare al record nella fascia d’eta 35-39 anni: in questo caso le donne medico sono quasi il doppio degli uomini (19.556 contro 10.953). Proporzioni ben diverse rispetto a quelle delle generazioni precedenti, se tra gli attuali sessantenni ci sono quarantamila uomini contro 16mila donne. E se fra gli over 75, a fronte di 19.215 maschi, ci sono appena 3.080 ex donne medico.

Donne in ascesa in sala operatoria 

Tra le specialità che vanno per la maggiore tra le donne, ci sono anche quelle chirurgiche. Il numero delle iscritte al primo anno delle scuole di specializzazione in chirurgia generale è infatti costantemente aumentato negli ultimi anni, tanto da raggiungere il 48,3 per cento degli immatricolati nel periodo 2008-2015. Pure in sala operatoria, stando ai dati forniti dalla Società Italiana di Chirurgia , la prevalenza degli uomini persiste ormai solo nella fascia d’età over 50. Se il numero complessivo degli iscritti al corso di specializzazione in chirurgia generale rivela una quasi sostanziale parità di genere (48,3% donne e 51,7%uomini), dati significativi emergono se si guarda alla situazione dei singoli atenei.

Negli atenei di Torino e di Milano, per esempio, la totalità degli iscritti alla specializzazione in chirurgia generale nell’anno accademico 2009-2010 era costituito da donne. Stessa percentuale registrata in quello successivo all’Università di Cagliari. A Padova, negli anni accademici 2008-2009 e 2009-2010, le iscritte al corso di chirurgia generale erano più del 60 per cento. Numeri che, secondo la Società presieduta da Paolo De Paolis, direttore della chirurgia generale d’urgenza 3 dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, «rappresentano una vera e propria rivoluzione nel panorama medico e chirurgico italiano: molto presto in sala operatoria ci sarà una parità di genere».

Leggi tutto l’articolo su “La Stampa”

https://www.lastampa.it/2019/03/08/scienza/giovani-medici-le-donne-sono-il-doppio-degli-uomini-specie-fra-chirurghi-e-dentisti-qWFNx7Z9qmrirmhQGzoa5M/pagina.html

Leave a reply